Informazioni di viaggio

Consigli su come superare il jet lag

15 gennaio 2015
consigli su come superare il jet lag

Viaggiare in aereo per tante ore, attraversare tanti fusi orari, e finalmente, giunti a destinazione ti senti stanco e apatico e non puoi goderti a pieno le tue vacanze?

Stai soffrendo di jet lag. In questo articolo pubblicheremo qualche consiglio per aiutarti a superare il jet lag.

Il jet lag è una condizione che colpisce il viaggiatore che attraversa vari fusi orari in breve tempo, e solitamente avviene nel caso di lunghi spostamenti in aereo.

consigli su come superare il jet lag

Il jet lag deriva da un’alterazione dei ritmi cardiaci avvenuta in seguito alla perdita del normale ciclo luce/buio e sonno/veglia ed i sintomi più frequenti e noti sono emicrania, stanchezza, apatia, impaccio motorio, disturbo del sonno, difficoltà a concentrasi, nervosismo, senso di pesantezza, pessimo umore.

Solitamente, i disturbi da jet lag spariscono gradualmente nel giro di qualche giorno, man mano che si recuperano i nuovi ritmi veglia/sonno della località di destinazione. I medici consigliano di adattare il ritmo cardiaco al nuovo orario in modo graduale, recuperando ogni giorno dai 60 ai 90 minuti rispetto alla variazione di fuso orario.

La capacità di riprendersi dal jet lag è molto personale, però solitamente i fattori che incidono maggiormente sono:

  • eta’ del viaggiatore: le persone più anziane impiegano più tempo a superare il jet lag rispetto alle persone più giovani.
  • stato di salute del viaggiatore
  • lo stato di idratazione: la disidratazione è uno dei fattori che accentua i sintomi.
  • il jet lag è più accentuato se si viaggia da ovest ad est rispetto alla tratta contraria
    numero di fusi orari attraversati

Per un viaggiatore può essere molto frustante questo periodo di adattamento, perché non gli fa godere a pieno le meritate vacanze.

Fortunatamente esistono alcuni trucchi e consigli per superare il jet lag il prima possibile e ridurne i sintomi.

Prima di partire per il viaggio

  • Sole: qualche giorno prima farsi dei “bagni di sole”… sedetevi e godetevi il sole per qualche ora. La melatonina aiuta a superare il jet lag e ad ammortizzare il cambiamento del fuso orario.
  • Adattare gli orari dei pasti e del sonno a quelli del paese di destinazione. Qualche giorno prima della partenza iniziate a spostare gradualmente di mezz’ora al giorno in avanti o in dietro (a seconda della destinazione) gli orari dei pasti principali, di quando andate a dormire e di quando vi svegliate a quelli del paese che andrete a visitare, in modo da “ridurre” i fusi orari da attraversare.

Durante il viaggio

  • Riposarsi e rilassarsi durante il viaggio in aereo cercando, quando possibile, di continuare il vostro programma di adattamento agli orari del paese meta del vostro viaggio. Consiglio di modificare il fuso orario sul vostro orologio appena prima di salire sull’aereo.
  • Durante il volo alimentarsi in modo sano, equilibrato e leggero.
  • Ridurre al minimo indispensabile il consumo di bevande eccitanti come caffè o thè, e bevande alcoliche.
  • Idratarsi in continuazione bevendo molta acqua.
  • Dato che buona parte del viaggio lo trascorrerete seduti, di tanto in tanto fate due passi lungo il corridoio, stiratevi e magari, se potete, fate qualche esercizio leggero e discreto di stretching.

Qui in basso un’immagine illustrativa presa su internet, che vi spiega alcuni semplici esercizi per fare stretching in aereo senza dar fastidio a nessuno (potete stamparla e portala con voi!!). Lei struzioni sono in Inglese, ma la comprensione è molto facile

stretching in aereo

Una volta giunti a destinazione

  • Non usate l’alcol per cercare di agevolare il sonno, le bevande alcoliche disturbano ed “affaticano” il sonno, ma non lo agevolano.
  • Cercate di conservare la stanchezza per la sera. Se avete sonno, il pomeriggio cercate di resistere almeno fino a sera, in questo modo sarà più facile adattarsi ai nuovi ritmi.
  • Evita caffè e altre bevande eccitanti nelle sei ore che precedono il sonno.
  • Luce naturale: l’esposizione alla luce naturale del sole aiuta l’organismo ad adattarsi ai nuovi ritmi di sonno/veglia, infatti, la luce è uno dei principali fattori che influenzano il ciclo biologico dell’organismo umano.
  • Esistono farmaci o trattamenti fototerapici (basati sull’uso della luce) che aiutano a superare il jet lag, ma sono consigliati solo a quelle persone che viaggiano molto frequentemente e solo sotto prescrizione medica.
  • Ci sono piante, come la camomilla o la valeriana, che aiutano a distendere i nervi favorendo il rilassamento ed il sonno. Molti alberghi mettono a disposizione gratuitamente in camera un bollitore. Consigliamo di usarlo per fare una bella tisana a base proprio di valeriana o camomilla prima di andare a letto

Bene, adesso potrete godervi a pieno il vostro viaggio, quindi non ci resta che augurarvi delle buone vacanze. 🙂

You Might Also Like